Dal mondo

27 Apr

Coenzima Q10 seda l'emicrania

L’emicrania influenza la quotidianità di oltre 5 milioni di italiani, e risulta essere particolarmente correlata all’infiammazione. Un recente studio ha valutato l’efficacia del coenzima Q10 per attenuarne i sintomi.

10 Apr

Passiflora e ansia da public speaking

Oltre il 10% della popolazione europea soffre di disturbi dell’ansia. La paura di parlare in pubblico è uno di questi: un recente studio ha valutato l’effetto dell’estratto di passiflora su questo tipo di problematica.

04 Apr

Vitamina B-12: quale dosaggio?

Un recente studio italiano pubblicato su Clinical Nutrition ha valutato la capacità di due dosaggi di vitamina B-12 sublinguale per verificare quale ne migliorasse i livelli in un gruppo di vegani e vegetariani con carenza marginale

09 Mar

Vitamina D e disturbo dell'attenzione

L’associazione tra vitamina D e disturbo da deficit di attenzione (ADHD) è stata proposta molte volte negli ultimi anni da diversi ricercatori. Una recente review ha raccolto i dati emersi fino a giugno 2017.

02 Mar

Sciatica e tunnel carpale? Prova la PEA!

La Palmitoiletanolamide (PEA) è una sostanza presente naturalmente in diversi alimenti e prodotta dal nostro organismo. Dagli anni ’70 si osserva la sua azione antinfiammatoria verso le alterazioni nervose e il dolore cronico.

26 Feb

L-carnitina, aumentano muscoli e forza

Con l’età la perdita di muscolatura è fisiologica; dopo i 50 anni si perde tra l’1 e il 2% di massa muscolare ogni anno. Ne consegue una perdita di forza di circa l’1.5%, che arriva fino al 3% dopo i 60 anni.

16 Feb

Antocianine e protezione cardiovascolare

Un recente studio ha mostrato che le antocianine hanno un potenziale benefico per impedire lo sviluppo di rischi cardiovascolari, grazie alla loro influenza sull’espressione e l’espansione di alcuni marker.

09 Feb

Ashwagandha, alleata della memoria

Un recente studio pubblicato sul Journal of Dietary Supplements condotto su 50 partecipanti ha testato l’efficacia dell’Ashwagandha nel contrastare la perdita di memoria e migliorare le funzioni cognitive.