31 Ottobre 2018

Magnesio e depressione: nuovi spunti

Nel nostro Paese soffrono di depressione oltre 2,8 milioni di persone. Una recente review ha raccolto i dati disponibili per inquadrare il ruolo del magnesio nella genesi dei disturbi dell’umore.

Stampa

Il magnesio è naturalmente presente in molti alimenti, eppure circa il 15% della popolazione mondiale ha una carenza (ipomagnesiemia) di questo minerale: infatti, come ci dice la ricerca, fino all’80% del magnesio viene rimosso dai trattamenti di raffinazione alimentare; pur mangiando in modo adeguato, ormai è difficile procurarsi il giusto apporto di magnesio richiesto dal nostro organismo.
Proprio negli ultimi cinquant’anni si è osservato che una carenza di magnesio può esporre maggiormente a rischio la salute mentale, particolarmente per quanto riguarda i disturbi dell’umore. 

La letteratura scientifica riguardante le azioni del magnesio e le possibili conseguenze della ipomagnesiemia è foltissima, e la review ha analizzato i risultati degli studi disponibili sul rapporto tra magnesio e disturbi dell’umore, per un totale di 58 pubblicazioni.
Nel dettaglio, seguire una dieta ricca di magnesio è risultato associato a una minore predisposizione a sviluppare depressione. Undici degli studi presi in esame hanno documentato che il magnesio (somministrato tra i 225 mg e i 4 g / die) diminuiva i cambi d’umore in soggetti con tale disturbo. 

Con tutta la prudenza necessaria quando si approcciano simili problematiche, i Ricercatori hanno rilevato che l’assunzione di magnesio può svolgere un ruolo nella depressione; resta da chiarire se questo effetto sia sufficientemente forte da avere una rilevanza clinica. Mancano evidenze statisticamente definitive, ma gli spunti sono molti: alcuni recenti studi hanno documentato un miglioramento dei sintomi in pazienti già depressi a cui era stata modificata l’alimentazione allo scopo di assumere più magnesio. È tutta da definire anche l’eventuale interazione tra magnesio e antidepressivi.

In conclusione, alla luce dei dati raccolti, secondo gli Autori è plausibile affermare che il magnesio sia coinvolto nella genesi e lo sviluppo dei disturbi dell’umore. Caldeggiano pertanto nuovi studi per definire al meglio il ruolo del magnesio in queste problematiche così importanti.

Bibliografia
Phelan D, Molero P, Martínez-González MA, Molendijk M. Magnesium and mood disorders: systematic review and meta-analysis. BJPsych Open. 2018 Jul;4(4):167-179. 

Scopri Magnesium 375 LongLife, integratore con 5 sali di magnesio ad elevata biodisponibilità.