10 Giugno 2019

Italiane, siamo dimagrite!

Questi i risultati di un recente studio e sono numeri che fanno tremare: oltre 1000 ricercatori coinvolti che hanno analizzato i dati relativi a 112 milioni di adulti di oltre 200 Paesi per un periodo compreso tra il 1985 e il 2017.

Stampa

E, secondo questa ricerca durata 33 anni, la donna italiana ha diminuito il suo peso medio.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature e ha calcolato l’indice di massa corporea (BMI, Body Mass Index, o IMC, Indice di Massa Corporea) di tutti i partecipanti.

I risultati descrivono che il BMI è aumentato mediamente a livello mondiale di 2,0 kg/m2 nelle donne e di 2,2 kg/m2 negli uomini, un incremento ponderale quindi di 5-6 kg.

Ma il dato sorprendente è che tale crescita è stata riscontrata per oltre il 50% nelle zone rurali: il BMI è aumentato di 2,1 kg/m2 sia nelle donne che negli uomini, mentre in città l’incremento è stato rispettivamente di 1,3 kg/m2 e 1,6 kg/m2.

A livello europeo troviamo una situazione più contenuta: nelle donne di Italia, Grecia, Spagna, Lituania, Repubblica Ceca, Portogallo, Serbia, Francia e Malta, il BMI è leggermente diminuito.

L’Italia ha partecipato alla ricerca con 48 studi di coorte: nelle donne il BMI medio è diminuito da 25,4 kg/m2 a 24,3 kg/m2 nelle zone rurali ed è rimasto praticamente invariato nelle zone urbane da 24,6 kg/m2 a 24,5 kg/m2), mentre negli uomini è aumentato sia nelle zone rurali (da 25,1 kg/m2 a 26,1 kg/m2) che in quelle urbane (da 24,9 kg/m2 a 26,3 kg/m2).

Approfondimenti in base al reddito medio ci dicono che nei paesi a reddito alto l’aumento del BMI è stato maggiore per quanto riguarda le donne.

Insomma, lontano dalla città ci sono meno strutture per svago e sport e domina la cultura alimentare tipica dei centri commerciali: poca spesa e poca salute.

I ricercatori traggono delle conclusioni che sembrano scontate, ma non lo sono, visto i risultati: dieta sana, evitando calorie di cattiva qualità, pochi zuccheri e più attività fisica. Perché oltre che un problema economico si tratta di un aspetto culturale e di corretta informazione da proporre a tutte le classi sociali, anche alle meno abbienti.

Bibliografia
NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC). Rising rural body-mass index is the main driver of the global obesity epidemic in adults. Nature. 2019 May;569(7755):260-264.

Scopri tutti i prodotti LongLife indicati per il controllo del peso, scegli quello più adatto a te!