23 Gennaio 2018

Effetto della dieta vegetariana sullo stato dello zinco

Le diete basate sul consumo di vegetali apportano buoni quantitativi di folati, fibre e antiossidanti; sono minori i grassi saturi e colesterolo, ma attenzione: alcuni micronutrienti, come lo zinco, risultano poco biodisponibili.

Stampa

L’alimentazione vegetariana è sempre più diffusa. La comunità scientifica è interessata a valutare l’impatto sulla salute umana di abitudini alimentari che si consolidano in sempre più ampie fette della popolazione.

Ecco perché è stato condotto uno studio per valutare l’effetto delle diete vegetariane sull’assorbimento e sullo stato dello zinco nell’uomo.

Sono stati presi in considerazione 26 pubblicazioni, frutto di studi clinici che avevano comparato vegetariani con soggetti non vegetariani.

Il consumo e le concentrazioni ematiche di zinco erano significativamente basse nei vegetariani abituali, rispetto ai non vegetariani. Analisi secondarie hanno mostrato un impatto ancora maggiore della dieta vegetariana sull’assunzione di zinco e nelle donne, nei vegetariani provenienti da paesi sviluppati e nei vegani.

Questi dati indicano che, per migliorare lo stato dello zinco nei vegetariani con scarso apporto o basse concentrazioni ematiche, dovrebbero essere considerate strategie quali: abitudini alimentari che favoriscano l’aumento della biodisponibilità di zinco, consumo di alimenti fortificati con zinco o la sua integrazione.

 

Foster M, Chu A, Petocz P, Samman S. Effect of vegetarian diets on zinc status: a systematic review and meta-analysis of studies in humans. J Sci Food Agric. 2013 Aug 15;93(10):2362-71.

 

Scopri Zinc 25 LongLife, integratore di Zinco ad elevata biodisponibilità.