10 Maggio 2019

Ciclo sonno-veglia e sindrome metabolica

Il ritmo circadiano di regolazione del ciclo sonno-veglia programma il nostro cervello per stare svegli durante le ore diurne e dormire durante la notte. Cosa succede se tale alternanza si interrompe?

Stampa

Secondo la recente review che proponiamo, la deprivazione di sonno ha numerose conseguenze biologiche tra le quali una ridotta tolleranza al glucosio e una ridotta sensibilità all’insulina, fattori che aumentano il rischio di sviluppare diabete.

Inoltre, la mancanza di sonno provoca una maggiore produzione di ormoni come la grelina e una diminuzione della leptina, causando l’aumento dell’appetito e la diminuzione della spesa energetica.

Esperimenti su modelli animali e sull’uomo riguardanti alterazioni circadiane (come lavori a turni o il jet lag), mostrano che l’interruzione dei ritmi circadiani contribuisce allo sviluppo di obesità e malattia metabolica.

Infatti, una serie di osservazioni ha rivelato che nell’uomo le alterazioni del ciclo sonno-veglia indotte dall’ambiente hanno delle conseguenze sulla salute metabolica. In particolare, la deprivazione di sonno e una scarsa qualità del sonno sono significativamente associate a un elevato rischio di obesità, diabete e altre malattie metaboliche.

La precisione circadiana permette la regolazione appropriata temporale del metabolismo interno all’organismo, per poter anticipare e rispondere ai continui cambiamenti causati dall’ambiente.

Una migliore conoscenza dei meccanismi che causano la compromissione della funzione dell’orologio circadiano può portare a nuove strategie preventive e terapeutiche per l’obesità e altri disturbi metabolici.

Bibliografia
Maury E. Off the Clock: From Circadian Disruption to Metabolic Disease. Int J Mol Sci. 2019 Apr; 20(7): 1597.

Scopri Melatonin LongLife, integratore di melatonina in compresse sublinguali.